Cerca
  • Simona Platè

Giocare con se stessi e con le parole. Fiaba brutta ma buona, meno di 100 ingredienti.

Maltagliato ne combinava di cotte e di crude: formaggio e pere e sale in zucca.

Nel suo paese viveva come i cavoli a merenda.

“Parla come mangi!”, gli dicevano.

“Non si vive di solo pane!”, rispondeva.

Non pianse sul latte versato e partì.

“Ogni pentola ha il suo coperchio! Troverò il mio!”.

Incontrò innumerevoli paesi “Minestrariscaldata”, “Nonrompereleuova”, “Vinoannacquato”.

“Bleah!”, pensò.

Girò in lungo e in lardo, mangiò una cipolla, pianse e si addormentò, stracotto.

“Tiratisù!”, gli ordinò una gallina vecchia che passava di lì.

Maltagliato lievitò.

“Cade a fagiolo!”, pensò.

Sposò la gallina e creò un ottimo brodo.


2 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti